Poiché le industrie manifatturiere e le industrie si sono evolute nel corso degli anni, così abbiamo i modi in cui alimentiamo la macchina. Per potenza, mi riferisco al movimento di controllo o di avviamento per eseguire un processo. La chiave qui sono i motori industriali stessi. Se siano piccoli, medi o grandi, i motori devono essere controllati. Devono essere avviati, fermati e variati nella velocità globale per la sicurezza e anche per eseguire correttamente la loro funzione selezionata. Un motore che ruota a velocità non sicure può essere pericoloso per il personale e pericoloso per l'apparecchiatura a cui sono connessi. Il controllore del motore entra in gioco per fare proprio questo. Il controllo dell'avviamento e l'accelerazione ad una velocità appropriata, quindi il monitoraggio del motore per assicurarsi che funziona entro la sua potenza e, naturalmente, il blocco del motore.

Per decenni, un sistema magnetico Il controllo del motore del dc è stato il modo più efficiente per ottenere il lavoro fatto. Questi circuiti talvolta complessi composti da relè, contattori, temporizzatori e resistori potrebbero essere trovati ovunque vi fosse un motore elettrico industriale. All'epoca erano nuove tecnologie che sostituivano i tamburi che usavano l'elemento umano per controllare l'accelerazione di un motore. su questi controllori, un operatore ha avuto la responsabilità di accendere il motore e portarlo alla sua velocità corretta utilizzando una maniglia attaccata ad un tamburo di contatti. Più rapidamente l'operatore ha girato la maniglia, più velocemente il motore è accelerato. La velocità di esercizio del motore potrebbe anche essere controllata usando la maniglia bloccandosi in una certa posizione in assenza di deflessione completa. I motori potrebbero anche essere invertiti utilizzando questi comandi ruotando la maniglia nella direzione opposta. I controllori del tamburo si sono basati troppo sul tocco di un operatore per essere efficienti e sicuri. Il regolatore magnetico dc è diventato facilmente il metodo accettato per il controllo del motore nel suo tempo.

L'accelerazione controllata di un motore DC e la sua velocità massima controllata hanno reso questi controllori ideali per macchine industriali. I nomi Cutler Hammer, Westinghouse, Allen Bradley e General Electric erano sinonomi di controllo del motore. Tutti erano costituiti da circuiti analoghi, ma diversi produttori avevano i propri miglioramenti e idiocyncrasies. Il motore viene solitamente avviato e arrestato da un gruppo pulsante normalmente aperto e normalmente chiuso. Questo controlla un relè tipicamente CR, per il relè di controllo. Il circuito di controllo è stato inoltre interfacciato con contatti di sovraccarico e di sovraccarico per la protezione del motore, della macchina e del personale umano. Un contattore M indica un contattore principale. Questi contattori DC sono progettati con grandi contatti di carico corrente perché sono responsabili dell'applicazione e della sconnessione del circuito principale dell'armatura. Una volta che il circuito di controllo viene eccitato, l'accelerazione del motore viene avviata utilizzando una serie di resistori e contattori. Questi contattori sono tipicamente etichettati 1A, 2A, 3A e così via. I contatti di accelerazione vengono aperti e chiusi in base al dissipatore di corrente di armatura in alcuni controller e dai timer in altri

Un altro contattore denominato contattore FA o contattore acceleratore di campo è rimasto chiuso durante l'accelerazione del motore. Questo contatto assicura che la potenza totale sia applicata al campo di shunt del motore fino a che funziona a una velocità costante. È anche chiamato contattore FF o contattore completo di alcuni produttori. Una volta che il motore ha raggiunto la sua velocità adeguata, il contattore FA o FF si aprirà e il controllo della velocità del motore sarebbe stato consegnato a un reostato. Il reostato sarebbe in serie con il campo di shunt. Variando il flusso di corrente attraverso il campo shunt, i motori potrebbero essere regolati per velocità. Alcune forme di protezione in questi avviatori di motore sono state aggiunte in caso di guasto dell'avvolgimento del motore o di un eccessivo carico meccanico. Il contattore FL o il contattore di perdita di campo sono stati tipicamente progettati con una bobina di serie in serie con il campo shunt. Un'apertura nel circuito del campo shunt causerebbe il contattore di perdita di campo per aprire e disattivare il circuito di controllo agendo in modo simile a quello di premere un pulsante di arresto. L'altra forma di protezione sarebbe il circuito di sovraccarico. Il contattore OL o il contattore OLX sono stati usati per monitorare una condizione di sovraccarico. Questi contattori agivano altrettanto a premere un pulsante di arresto. un sovraccarico in genere rileva un eccessivo flusso di corrente attraverso l'armatura del motore causato da cortocircuiti di avvolgimento del motore interno e si apre, spazzola motore sporgente, un problema meccanico a causa di cuscinetti motore usurati o un guasto meccanico nell'apparecchiatura a cui è accoppiato il motore.

Altri elementi opzionali aggiunti a questi avviatori motore magnetico erano componenti come contatori di corrente esterna per il personale da osservare. Un misuratore di carico è un ottimo esempio di monitoraggio corrente modificato per visualizzare il carico sul motore in tempo reale per l'operatore. C'erano anche opzioni di inversione che permettevano di cambiare la direzione del motore con un interruttore o ruotando una maniglia meccanica. Con familiarità con gli avviatori di motori magnetici e le competenze elettriche di base, la risoluzione dei problemi dei circuiti di controllo di uno di questi produttori diventa più facile grazie all'esperienza poiché il concetto e gli schemi di base di Cutler Hammer, GE, Allen Bradley e Westinghouse sono sempre stati simili



Source by Chet Val