Recentemente abbiamo tirato fuori una ricetta di famiglia onorata da tempo e questo mi ha fatto pensare a quale ricetta per il successo potrebbe essere il bilancio di quest'anno. Ho cercato di seguire i criteri per la maggior parte delle buone ricette: dovrebbero essere relativamente semplici e chiare, impiegare ciò che è idealmente a nostra disposizione, consentire una certa flessibilità o errori minori e produrre i risultati desiderati. Ecco cosa mi è venuto in mente:

Inizia con la fine in mente. Quali sono i risultati che vogliamo? Dove ci vediamo idealmente l'anno prossimo? Cosa c'è di nuovo; cosa c'è di diverso? Perché è così importante – in che modo i risultati faranno avanzare la nostra visione e gli obiettivi a più lungo termine?

Prendi l'inventario. Quali risorse abbiamo già a disposizione che possiamo utilizzare: amici, contatti, materiali, risorse …? Quale dovremo acquisire? Questo passaggio è come un principio base di navigazione: prima di poter arrivare dove vogliamo andare, dobbiamo prima sapere dove siamo – ed è fondamentale essere precisi. Se prendiamo una ricetta complicata da un famoso chef, ed è in una lingua straniera, le probabilità di fallimento sono alte. Gli obiettivi elastici sono grandiosi, ma dobbiamo essere realistici. Prima di partire abbiamo bisogno di vedere le cose per quello che sono, non quello che vorremmo fossero.

Segui un piano, ma sii flessibile. Pensa attraverso quali passi, in quale ordine, ci daranno le migliori possibilità di successo. Ad esempio, proprio come so che le scaglie di cioccolato vengono aggiunte per ultimo quando si producono biscotti con gocce di cioccolato, è meglio cercare un potenziale cliente prima di fare una chiamata di marketing. Se sono a corto di gocce di cioccolato, forse posso usare scaglie di cioccolato o scaglie di burro di arachidi; se non ho ancora fatto la ricerca, forse posso riprogrammare.

Chiedi aiuto. Ho provato una volta una ricetta che richiedeva salsa bianca e non avevo idea di cosa fosse. Invece di sprecare un sacco di burro e farina o di grattare il progetto, ho chiesto aiuto a mia moglie Carley. Se un socio conosce una parte di ciò che ho bisogno di fornire meglio di me, preferisco pagare l'aiuto piuttosto che compromettere la qualità del progetto.

Monitorare i progressi e chiedere un feedback. Anche un buon cuoco è intelligente per avere opinioni altrui sull'opportunità di aggiungere spezie o servire di nuovo qualcosa. Allo stesso modo, non siamo sempre il miglior giudice del nostro lavoro o dei nostri sforzi; Approfitta delle idee altrui o suggerimenti su come affrontare le cose in modo diverso.

Mescola in pari quantità di coraggio e disciplina. Quasi tutto ciò che è nuovo o duro richiede coraggio. Abbiamo bisogno di coraggio per seguire la nostra strada, provare qualcosa di nuovo o non testato o fare investimenti quando i premi sono incerti. Disciplina significa essenzialmente sostituire le vecchie abitudini o le routine con quelle nuove e attenersi a esse; senza di esso saremo probabilmente tra l'80% circa a far cadere le risoluzioni del nuovo anno entro la fine di gennaio. Come diceva Aristotele: "Noi siamo ciò che facciamo ripetutamente. L'eccellenza, quindi, non è un atto, ma un'abitudine."

Rimani lì e sii buono con te stesso. Gli obiettivi (o le ricette) stimolanti possono essere scoraggianti; a volte siamo tentati di buttare tutto e mangiare fuori. Continua a farlo e "tieni d'occhio il premio". Se continuiamo a fare del nostro meglio, si svilupperà qualcosa di positivo; se non altro impareremo qualcosa. Rimani concentrato, ma ricorda "tutto il lavoro e niente spettacolo …" Metti su musica, bevi un bicchiere di vino, visita con la compagnia (o l'equivalente al lavoro) e mantieni le cose in prospettiva. Anche se tutto sembra perduto, non lo è.

Questa è la mia versione di una ricetta per il successo;

"Il segreto del successo è la costanza dello scopo."

Benjamin Disraeli

"Quando arrivi al significato fondamentale della parola" successo " , scopri che significa semplicemente seguire. "

F. W. Nichol



Source by Al Watts